Archive for:

settembre, 2015

Salerno – Paziente muore per farmaco sbagliato: pm accusa 3 medici

Di Petronilla Carillo Un anno di pena per tre medici accusati della morte di una paziente. La vittima è Giovanna Castagna deceduta, secondo l’accusa, per una cura inadeguata. Precisamente un farmaco che non era adatto alla paziente. Quattro i medici sotto accusa. Si tratta di Antonio Casciello, Francesco Lionetti e Michele […]

Bologna, malasanità in un’eccellenza: trasfusione con scambio di sacche?

Di Americo Mascarucci – Un grave caso di malasanità, è accaduto a Bologna presso il rinomato ospedale “Maggiore”, da sempre punto di eccellenza e fiore all’occhiello della sanità italiana. Una trasfusione di sangue sbagliata durante un intervento chirurgico su un paziente quarantacinquenne ha fatto gridare allo scandalo.  Un errore gravissimo che potrebbe anche […]

Operata di tumore all’utero ma la diagnosi era sbagliata: risarcimento da 45mila euro

Livorno – Dieci anni dopo l’intervento, nel quale le sono stati asportati utero e ovaie, una donna di 66 anni ha deciso di chiedere i danni a due ospedali e a due medici. La paziente non aveva un tumore, ma una patologia infiammatoria cronica Prima la diagnosi, una delle più terribili […]

Danno tanatologico o danno da morte: la Cassazione ne precisa i presupposti (Cass.Civ., sez. III, sentenza 20/08/2015 n° 16993)

Nel caso in cui l’aggravamento di una malattia a seguito del comportamento omissivo del sanitario abbia determinato una particolare sofferenza del paziente durante l’agonia prima della morte è configurabile il cd. “danno tanatologico”, inteso quale danno subito dalla vittima per la sofferenza provata nell’avvertire consapevolmente l’neluttabile approssimarsi della propria fine, […]

Danno da infezione trasfusionale: è l’ospedale a dover provare che il paziente era già infetto

Di Lucia Izzo – In tema di danno da infezione trasfusionale, compete alla struttura ospedaliera dimostrare che l’infezione per la quale il paziente chiede il risarcimento era stata contratta già prima dell’avvenuta trasfusione, in quanto è onere del debitore dimostrare che l’inadempimento non era eziologicamente rilevate perché l’affezione era già in atto al […]