Senza laurea fa il ginecologo per 40 anni . Neonato riporta seri danni dopo il parto

23 Ottobre 2015

Venezia – Ha fatto il ginecologo per una vita e adesso, ormai alla pensione, si scopre che Andrea Stampini, questo il suo nome, non ha mai conseguito la laurea e l’Albo dei Medici lo cancella.

Una vicenda incredibile emersa in seguito ai danni riportati da un neonato che il sedicente medico ha fatto nascere e che adesso non può deglutire o muovere le braccia. Il tribunale del Malato, intanto, ha aperto un fascicolo a carico dell’uomo.

È una storia davvero incredibile quella che si è verificata a Dolo, in provincia di Venezia. Stampini, secondo le prime indagini, avrebbe insistito perché la mamma del piccolo partorisse con parto naturale, ignorando i rischi a cui il neonato poteva andare incontro.

Adesso che i genitori del piccolo hanno sporto denuncia, però, le indagini stanno portando alla luce non soltanto un caso di malasanità ma qualcosa di ben più grave. Andrea Stampini, infatti, non è mai diventato un medico non avendo conseguito nè la laurea nè l’abilitazione. Nonostante questo Stampini ha lavorato per 40 anni come medico ed è stato anche primario del reparto di Ostetricia e ginecologia all’ex ospedale di Riva del Garda, ne Trentino.

I genitori del piccolo, nato il 26 dicembre del 2014, adesso, chiedono giustizia.“Siamo decidi ad andare in fondo a questa storia” hanno dichiarato i genitori del bambino, che dovranno aspettare i tre anni d’età del piccolo per capire se durante il parto siano stati riportati dei danni celebrali permanenti o se la situazione migliorerà con il tempo.

Il parto della donna è avvenuto proprio durante il turno di guardia di Stampini, che come ogni giorno da 40 anni si trovava in corsia insieme a i suoi colleghi. Nessuno, però, sospettava che lui non fosse davvero un ginecologo.“Chi ha sbagliato deve pagare, sia Stampini sia chi non ha controllato chi fosse” dicono i genitori del bambino.

Adesso, infatti, oltre al falso medico anche l’asl 13 di Dolo risulta indagata. Solo le ulteriori indagini ancora in corso potranno fornirci ulteriori dettagli.

di Daniela Pisani