Salma sequestrata durante una veglia funebre per un sospetto caso di malasanità

22 Gennaio 2016

tomba

A seguito della denuncia dei parenti, la Procura di Santa Maria Capua Vetere ha disposto il sequestro della salma di un 78enne. Sulla morte dell’uomo, deceduto per una peritonite alla Clinica Pineta Grande di Castel Volturno (Caserta), è stata aperta un’inchiesta.

Era in corso la veglia funebre per il 78enne Emilio Taglialatela, quando la salma è stata sequestrata su ordine della Procura. Un provvedimento scattato all’indomani della denuncia dei parenti circa negligenze ed errori dei medici che hanno assistito l’anziano fino al decesso avvenuto pochi giorni fa. L’uomo, un agricoltore, era ricoverato alla clinica Pinetagrande di Castel Volturno (Caserta) dallo scorso 23 dicembre per una peritonite stercoracea.

Stando alla denuncia dei familiari,l’infezione sarebbe insorta dopo la degenza in un’altra clinica, in cui, accusano, l’anziano non sarebbe stato assistito adeguatamente. A seguito della denuncia, la Procura di Santa Maria Capua Vetere, ha quindi disposto il sequestro del corpo per accertamenti medico-legali. La salma è stata portata via mentre era in corso in via Trento a Mondragone, la veglia funebre. I funerali, sono stati rinviati.

napoli.fanpage.it